La Digital Transformation e le nuove strategie digitali di Veratour

Le crisi, è cosa nota, celano delle opportunità. Qualcuno è anche arrivato a definirle “una vera benedizione”. A volte questa definizione suona davvero poco opportuna, come nel caso del Covid. Ma al di là di questo, un dato di fatto è che le crisi accelerano i cambiamenti. Le trasformazioni legate al digitale, in tempi di Covid, vanno a velocità 10x. Tra le altre cose, è cambiato in tempi molto rapidi il nostro rapporto con la tecnologia, l’uso che ne facciamo tutti i giorni e le nostre aspettative di utenti quando attraverso di essa entriamo in contatto con i brand. Nell’era del digital le cose vanno pensate dalla prospettiva degli utenti.

Playlist USA on the road, racconto di viaggio… (part II)

Da Los Angeles a New Orleans, quasi 6 mila km di strada in 8 stati, percorrendo in sella a una Harley i luoghi più iconici e le highways più scenografiche. Ecco le canzoni che ci hanno fatto compagnia durante il viaggio e amplificato i nostri stati d’animo risuonando con il paesaggio.

Metaversi, il terzo tempo di internet dopo mobile e social network

E’ la buzzword del momento, il futuro di internet e della comunicazione. Cos’è questo metaverso di cui si parla tanto? Funzionerà davvero? Piacerà agli utenti? Dall’internet delle cose all’internet dei sensi, il passo potrebbe essere più breve di quello che pensiamo.

Playlist USA on the road, racconto di viaggio attraverso istantanee e canzoni (part I)

Da Los Angeles a San Francisco passando per tutte le più note attrazioni del grande West USA, ecco le canzoni da ascoltare lungo la strada e in luoghi così pieni di magia

Il Digital Marketing ai tempi del Covid

Cosa comunicare quando tu vendi villaggi turistici e non si può uscire di casa, né tantomeno prendere un aereo per andare in vacanza? Cosa dire (o non dire) sui social quando il solo dire (o non dire) qualcosa rischia di scatenare un flame, o peggio ancora un epic fail?

Homo digitalis e social dilemma: esiste una soluzione?

Non vogliamo e non possiamo fare a meno di essere sempre più digitali, di passare sempre più tempo sullo smartphone e in particolare sui social network; ma come fare per evitare di risultarne cognitivamente condizionati, o peggio ancora psicologicamente deviati? Esiste una soluzione al dilemma dell’uomo digitale del XXI° secolo?

Homo digitalis e social media: quando tutto quanto è cominciato

Il Digitale è parte integrante delle nostre vite e delle nostre identità. Siamo perennemente collegati grazie ai nostri smartphone; sempre più studiamo, lavoriamo, socializziamo con le tecnologie digitali. Tutto questo non è virtuale, è reale. Qualcuno ricorda come si faceva “prima”?

Comfortably Numb, Pink Floyd: la playlist definitiva delle versioni live.

C’è quella suonata dalla formazione originale, nell’ormai remoto 1980. Poi ci sono quelle di Gilmour, quelle dei Floyd prima a 3 poi a 2 e quelle di Waters da solo. C’è quella di Berlino e quella di Knebworth, ma anche quelle di Venezia e di Pompei. E se non dovesse bastare, ce n’è pure una cantata da David Bowie e un’altra da Eddie Vedder … Voi quale versione preferite?!

Autoctoni monovitigno, perché preferisco il Sagrantino ai Supertuscan.

Un vitigno fortemente territoriale, salvato dall’oblio e rilanciato da un viticoltore ostinato e innamorato delle tradizioni. Un vino robusto, di grande personalità e molto riconoscibile grazie alla sua carica tannica perfino aggressiva. Ma non è difetto, è carattere…